Banche differenti

Le Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali costituiscono unicum nel panorama creditizio italiano: il sistema formato dalle oltre 400 BCC si regge attorno a normative specifiche, derivate direttamente dall´articolo 45 della Costituzione. La caratteristica principale delle BCC, infatti, è quella di essere innanzitutto cooperative mutualistiche e locali.
Le BCC sono nate nel contesto sociale della fine dell´Ottocento come risposta alle esigenze concrete delle persone più povere e non bancabili, traduzione in opera di una concezione dell’economia che trova le sue radici profonde nel pensiero cristiano sociale della enciclica di Leone XIII, la Rerum Novarum.
In più di 120 anni, le Casse Rurali ed Artigiane – oggi Banche di Credito Cooperativo – sono diventate un sistema di banche diffuso in tutto il Paese. Un sistema vitale, che ha dimostrato la propria validità anche nell´attuale scenario caratterizzato da una forte competitività. Quello delle BCC è un sistema dinamico che, oggi, attualizzando i suoi principi, interpreta la funzione di banca di sviluppo per il territorio, fornendo una risposta alle necessità economiche e sociali delle comunità locali: dall’attenzione alle persone economicamente più deboli ai giovani, dalla crescita sostenibile delle imprese alla promozione e tutela del patrimonio storico-artistico.
Questo modus operandi è derivato nel tempo dall´interpretazione della missione delle BCC: quella dell’inclusione economica e sociale attraverso uno sviluppo condiviso che parta dal basso, capace di rendere protagonisti tutti i soggetti del tessuto economico e sociale.
Le Banche di Credito Cooperativo, dunque, sono aziende caratterizzate da una formula imprenditoriale specifica, un codice genetico costituito da tre molecole inseparabili: cooperazione, mutualità e localismo.
Il modello che ne deriva è quello di un´impresa a proprietà diffusa, espressione di un capitalismo popolare e comunitario, orientato allo sviluppo sostenibile e costante perseguito attraverso la logica del vantaggio piuttosto che la massimizzazione del dividendo, in un legame totale e permanente con il territorio.